l’oroscopo dei fiori – 2 marzo: PESCI

pesci

Prima decade: 20 febbraio – 1 marzo
Fiore: ginestra
Nel linguaggio dei fiori: paura
Pianeta: Saturno
Testa tra le nuvole e cuore in cassaforte. Sempre disponibile per gli altri, sei un tesoro finchè hai una protezione da coinvolgimenti troppo forti. Ma quando si va nel privato, subito ti tiri indietro, lasciando spesso chi ti corteggia a bocca aperta. Se non trovi l’anima gemella, preferisci una dorata solitudine, ricca di valori umanitari ed esperienze spirituali profonde.

Seconda decade: 2 – 11 marzo
Fiore: glicine
Nel linguaggio dei fiori: generosità
Pianeta: Giove
Hai una personalità pervasa dal sentimento, tutta emozioni, sogni e palpiti di cuore. Hai una generosità illimitata, quando si tratta d’amore perdi il buon senso, dai sempre tutto, esagerando con allegra disinvoltura. Il guai è che, invece di assecondarti . l’oggetto delle tue brame finisce per darsela a gambe. Creatività, spiritualità, grande amore per i viaggi.

Terza decade: 12 – 20 marzo
Fiore: peonia
Nel linguaggio dei fiori : timidezza pudore
Pianeta: Marte
Nei sentimenti convogli tutto il tuo ardore finchè si tratta di sogni e di illusioni. I guai seri cominciano quando dall’immaginario si scende su un piano reale, dove ti ritrovi a fare i conti con timidezza e paure. Metti passione negli ideali e ti batti con foga per la giusta causa, col rischio di apparire come una persona fanatica.

Le orchidee – come prendersene cura

come-coltivare-le-orchidee-in-casa_N2

Le orchidee sono vere e proprie opere d’arte della natura che sbocciano in pieno inverno.
Vengono coltivate per la spettacolare bellezza dei loro fiori dal profumo delicatissimo e dai petali vellutati.
Simbolo della raffinatezza e del lusso, si regalano per riconoscere ed ossequiare la sensualita e l’eleganza.
Hanno anche un notevole valore ornamentale e, coltivate in appositi vasi o cestini sospesi, possono creare nei nostri appartamenti un angolo verde di particolare suggestione.

In Italia ci sono circa 85 specie spontanee con habitat molto differenti.
Per la maggior parte sono epifite (posseggono solo radici aeree) o semi-epifite , per cui in genere vivono su rami e tronchi di altre piante o su rocce coperte da un sottile strato di frammenti vegetali, muschi e licheni; altre specie sono terrestri , come quelle diffuse nei climi temperati, mentre altre ancora sono sotterranee e semi-acquatiche.

E possibile mantenere le piante splendide nel tempo, seguendo semplici accorgimenti:

  • Non vanno bagnate come le altre piante: il terriccio e fatto di corteccia d’albero e non di terra, l’ innaffiatura richiede qualche minuto in più perché bisogna fare in modo che l’acqua penetri nei pezzetti di corteccia.
  • Per crescere in modo perfetto hanno bisogno di essere sottoposte agli sbalzi di temperatura, sia quelli stagionali sia quelli tra il giorno e la notte: quando sono in fiore bisogna fare in modo che la temperatura della notte sia inferiore di almeno sei gradi a quella del giorno.
  • Poiché provengono dalla fascia tropicale o subtropicale, hanno bisogno di essere mantenute in un clima di umidità: si puo usare un sottovaso più grande e più profondo, riempirlo di palline di argilla espansa o di ghiaietto e versare mezzo bicchiere d’acqua ogni giorno.
  • Se vi regalano un’orchidea in un vaso di plastica, dovete lasciare la pianta li per almeno due anni e solo dopo scegliere contenitori di materiali diversi.
  • Sono esigenti in fatto di concimazione: vanno nutrite più di quanto non si faccia con le altre piante.

E-tempo-di-orchidee